Come creare uno stampo con la gomma siliconica e usare la resina

Ecco come provare ad utilizzare la gomma siliconica per creare degli stampi e di conseguenza riprodurre con la resina:

Materiali:

Gomma siliconica con catalizzatore

Resina bicomponente

4 siringhe

2 recipienti di plastica

Ingranaggi

Teschio di resina – gesso

Spatola piccola

Giornali vecchi

Plastilina

1 Pesa con sensibilità ai grammi (per pesare le quantità di materiale da utilizzare)

1/2 Lattina di bevanda analcolica (o alcoolica se preferite), in alternativa vi consiglio o dei coppapasta di scarso valore o dei mattoncini lego

1 lastra di vetro (se i pezzi da riprodurre sono relativamente piccoli, vi consiglio il vetro di una delle sveglie che avete smontato per recuperare gli ingranaggi).

Per questo tutorial abbiamo usato materiali della prochima, ma ci sono in commercio molte altre marche ed a prezzi per tutte le tasche.

PRIMO STEP: Creazione del master
Per creare il pezzo da riprodurre avete più di un metodo, il più semplice è quello di piazzare al centro del vetro un po’ di plastilina ed appoggiare ciò che volete riprodurre, nel nostro caso un ninnolo fatto con ingranaggi e un teschio:

Dopo aver fatto aderire bene i pezzi alla plastilina si è utilizzato una sezione di lattina precedentemente tagliata a cui è stata fissata altra plastilina, per far si che aderisse al meglio al vetro e non ci fossero fuoriuscite della gomma siliconica, (come si può notare qui sotto sia dalla foto 1 che dalla foto 2) creando un pozzo di colata:

(foto 1)

(foto 2)

STEP DUE: La creazione dello stampo in gomma siliconica

Come detto poco sopra abbiamo utilizzato la gomma siliconica della prochima, la quale prevede una catalizzazione al 5%, ovvero per ogni 100g di gomma siliconica ci devono essere 5cc di Catalizzatore, seguire attentamente le indicazioni di utilizzo indicate sulla scatola e lavorate con i giornali vecchi come base, la gomma siliconica NON CATALIZZATA è particolarmente liquida. Per prelevare il materiale consiglio VIVAMENTE l’uso di siringhe, in modo da avere la possibilità di controllare perfettamente e di misurare le dosi come prescritto. MI RACCOMANDO, USARE SEMPRE DUE SIRINGHE DIFFERENTI per i due composti, non fate mai entrare in contatto gomma con catalizzatore al di fuori del recipiente di miscelazione:

per il mio stampo ho utilizzato 50 grammi di gomma e 2,5 cc di catalizzatore.
Dopo aver mescolato i due composti (gomma e catalizzatore) con una spatola in uno dei contenitori di plastica, in modo da avere una pasta di media viscosità e di media consistenza, cominciare a colare nel nostro pozzo di colata, facendo attenzione a due cose: la prima, MI RACCOMANDO,  non versare velocemente tutto il composto, ma di fare almeno due colate; se lo si facesse tutto in un colpo solo potrebbero crearsi molte bolle e rendere quindi inutilizzabile il nostro stampo. La seconda accortezza è di fare attenzione tra la prima e la seconda colata di battere leggermente sia sui lati che sul fondo del nostro pozzo in modo da far salire le eventuali bolle d’aria che possono comunque essersi create durante la colata della gomma ottenendo cio:

Con questo materiale, c’è da attendere 18 ore per la vulcanizzazione completa. Passate le ore il risultato che ne uscirà sarà come questo:

Al quale andrete a sbavare alcune parti di gomma in eccesso, nel caso fossero sopraggiunte bavette di eccesso di materiale, e sarete pronti per il passo successivo: la RIPRODUZIONE.

TERZO STEP: La riproduzione con la resina

per la riproduzione con la resina anche qui seguire le proporzioni indicate, nel nostro caso 1 a 1 dei componenti, quindi stessa quantità del composto A da mischiare con il composto B. Come per la gomma IMPORTANTE NON USATE LA STESSA SIRINGA PER ENTRAMBE! Rischiereste di aver la catalizzazione all’interno della siringa, o peggio in una delle due tolle, e non nel recipiente per la miscelazione. Fate come in foto, usate due siringhe apposite:
(questo è anche un buon metodo per chiudere i due recipienti e non farvi entrare aria)

Fatte le due “siringate” di materiale, versatele nel apposito recipiente, mescolate bene in modo da avere un composto di un solo colore, per circa 20 secondi, e colate nello stampo in modo uniforme. Come per la gomma fate attenzione a non creare bolle quindi colate con calma e in due tempi separati. Già dopo pochi minuti vedrete il cambiamento di colore della resina da traslucido a bianco. Dopo circa 10 minuti il risultato sarà questo:

 

Dopo circa 40 minuti a 25 gradi, quindi se lavorate la resina in posti più “freschi” ci sarà da dover attender di più, questo è il risultato dello stampo:

Nel caso in cui il master non fosse particolarmente dettagliato, potrebbero crearsi delle piccole sbavature da eccesso di materiale, che consiglio asportare con un taglierino per cui la creazione definitiva viene solo rimandata di qualche secondo. Nel caso contrario avete appena ottenuto il primo vostro oggetto in resina, pronto da dipingere e da utilizzare come meglio preferite.

IMPORTANTISSIMO:
lavorate con i guanti protettivi comunque, per evitare di aver colate di resina che vi si solidificano sulla pelle e mi raccomando la maschera antigas nel caso in cui non lavoriate in locali ben areati o all’aperto. Uno Steamer lavora SEMPRE  in sicurezza.

 

Saluti SANdMAN

Pubblicato da:

Published in: on ottobre 25, 2011 at %H:%M  Comments (2)