Priest – La recensione

Movieplayer.it pubblica la recensione di Priest, ispirato a una famosa serie di fumetti o, meglio, di graphic novel. Pur non essendo esattamente un film di genere, contiene alcuni spunti sia nell’abbigliamento sia negli accessori e nei gadget in dotazione ai protagonisti, che fanno immediatamente pensare al nostro amato steampunk. Ecco un estratto della recensione:

Priest

Priest

La lotta tra l’uomo e i vampiri risale alla notte dei tempi: per combattere le feroci creature mandate dall’inferno sulla Terra la Chiesa aveva addestrato un manipolo di sacerdoti, scelti per sconfiggere gli esseri mostruosi. I pochi vampiri superstiti vivono oggi confinati nelle riserve, sorvegliati dai macabri famigli, mentre i preti sopravvissuti sono costretti all’anonimato, mimetizzati tra la gente comune e alle prese con mestieri di qualsiasi tipo. Quando viene misteriosamente rapita Lucy, la nipote di uno dei più popolari e combattivi sacerdoti guerrieri, malgrado sia stato minacciato di scomunica, l’uomo capisce che la guerra non è ancora finita e, determinato a salvare la ragazza, torna in trincea più agguerrito che mai. Ad aiutarlo ci pensa il giovane sceriffo Hicks, innamorato di Lucy, ma poco preparato alla sanguinaria battaglia in cui sta per imbattersi. I due non sanno ancora che ad attenderli c’è lo spietato Black Hat, sacerdote che dopo essere stato catturato nell’ultima missione è diventato un vampiro e guida i suoi simili alla conquista della Terra.

La recensione completa si trova su Movieplayer.it.

Pubblicato da:

Published in: on July 5, 2011 at 8:02 am  Comments (5)  
Tags: , , , ,